domenica, settembre 24, 2006

A testa in giù

Breve puntata da Ikea stamattina. Stavolta non per me. Nel caos, in mezzo a zombie rallentati e ragazzini urlanti e capricciosi, una piccola oasi di calma e di silenzio. Per me nulla, grazie.
Candele giallorosse, tovaglioli di carta giallo zafferano e un tritaverdure. Nemmeno 12 euro. Mai successo.

Tutto è cambiato. Nemmeno uno stitico battibecco ai tessili. Fretta di tornare, voglia di sbrigarsi.
Il mondo è capovolto. E io con lui.

4 commenti:

stella-marina ha detto...

E' solo un cambio di prospettiva Betta... il mondo lo guardi da un punto di vista diverso, più difficile forse, ma migliore...
La consapevolezza è una conquista e a questo mondo nessuno ti regala nulla, ma ci sono tante persone che possono tenerti per mano...
L'ultima volta che siamo andati all'IKEA si è fatta la lista delle cose che servivano ed è stata rispettata alla lettera, meno di 70 euro...mai successo! :)
Si tagliano i rami secchi e si razionalizzano le spese... per un futuro migliore... un abbraccio.

Anonimo ha detto...

...però...dopo questo resoconto penso di poter dirottare una parte della mia scorta di bostik verso altri impieghi...
Il Gatto

Betta ha detto...

... mi sa ... ;)

Lord Crespo di Svezia ha detto...

La lista.
Quella mantiene sobri, da Ikea, vero.
E poi un'attività fisica intensa, che appaga e occupa tempo, così da rendere difficile prendere la macchina e dirigersi verso il parallelepipedo giallo e blu.
Ciao :)